Archetypal Branding: la comunicazione che usa gli archetipi di Jung

ruota archetipi della comunicazione

Cosa rende alcune forme di comunicazione più efficaci delle altre?

Per rispondere alla complessità di questa domanda bisogna esplorare il mondo degli archetipi. 

L’arte della comunicazione, come tutti sappiamo, è una competenza esclusivamente umana. La capacità di trasmettere agli altri pensieri, emozioni ed informazioni, che ci permettono di creare relazioni fa parte della nostra natura. Come tutte le questioni umane, anche la comunicazione ha subito una sua evoluzione, diventando una delle esperienze più importanti nelle nostre vite.  Gli archetipi della comunicazione sono uno strumento che ci permette di esplorare i modi in cui le persone comunicano, interpretano il mondo e si connettono l’una con l’altra.  In questo articolo, esamineremo cosa sono gli archetipi della comunicazione, come possono essere utilizzati e come influenzano la nostra comprensione del mondo. 

Facciamo un passo indietro:che cosa sono gli archetipi e chi li ha inventati?

I modelli universali di comportamento, simboli e tratti di personalità che sono presenti in tutte le culture e le epoche del mondo, rappresentano gli archetipi. 

L’idea di raggruppare il mondo in questi gruppi, chiamati archetipi, è stata introdotta nel mondo dallo psicologo svizzero da Carl Gustav Jung.  Questi modelli sono rappresentazioni simboliche di concetti e idee che risiedono nell’inconscio collettivo dell’umanità. All’interno della comunicazione, gli archetipi diventano modelli comportamentali che le persone riconoscono istintivamente. Questi archetipi sono utilizzati  per creare connessioni emotive e stimolare reazioni specifiche negli altri.

Archetypal Branding: che cos’è e perché è importante utilizzarlo

Il discorso fatto fino ad ora è servito per arrivare al focus di cui vogliamo parlarvi in questo articolo: l’archetypal branding.

Tantissimi simboli culturali che fanno parte del nostro scenario comune, sono proprio il prodotto dell’immagine che alcuni brand hanno costruito sulla base dei propri valori. Ovviamente, i più famosi sono Coca-Cola, Nutella, Apple, Nike e sicuramente tanti altri ancora. Questi brand hanno tutti scelto di comunicare tramite messaggi che rimandano a modelli universali dei comportamenti umani.  Usare questa strategia all’interno del proprio piano di comunicazione scegliendo uno o più archetipi aiuta a soddisfare i desideri del proprio pubblico. Gli archetipi fanno emergere la vera anima dei brand, che è anche quella del cliente finale.   Bisogna sottolineare che gli archetipi esistenti nell’ambito della comunicazione sono solamente 12, quindi più brand apparterranno allo stesso gruppo. Ciò nonostante, ognuno di essi avrà il suo carattere e i propri punti di forza. 

Ecco i 12 archetipi della comunicazione 

Per essere ancora più precisi, gli archetipi sono ulteriormente divisi in 4 macro categorie che rappresentano i bisogni fondamentali: 
  • indipendenza, 
  • cambiamento 
  • stabilità 
  • appartenenza
Entriamo ora più nel dettaglio! 

L’innocente

Il primo degli archetipi è quello dell’innocente:ha un carattere positivo e ottimista, cerca di comportarsi bene e a generare sicurezza e felicità. I brand appartenenti a questa categoria puntano sulla purezza, la semplicità e sulla pulizia della propria immagine. Spesso è associato ad aziende che si occupano di cosmesi, salute e pulizia.  
  • il suo obiettivo è raggiungere la felicità 
  • la sua paura più grande è quella di sbagliare o fare qualcosa di brutto che generi una punizione 
  • il suo dono è quello di avere fede ed ottimismo 
  • la sua trappola è quella di risultare troppo ingenuo 
Per i più curiosi, questa è una tipologia di pubblicità che rappresenta l’archetipo Innocente

Il saggio o scienziato 

Il saggio fa sempre parte del filone dell’indipendenza. Questo archetipo eccelle per la sua saggezza, conoscenza e uso di un linguaggio forbito. È alla costante ricerca della verità. La tipologia di brand che fanno parte dei Saggi sono le università, il settore dei media, delle news e della consulenza

  • il loro obiettivo è quello di usare l’intelligenza e l’analisi per capire il mondo 
  • la loro paura è quella di essere ingannati e l’ignoranza
  • il dono che hanno è la saggezza e l’intelligenza 
  • il rischio che corrono è quello di studiare troppo e non agire mai 


Tandem rientra sicuramente in questo archetipo, quindi scopri di più cliccando qui! 


L’Esploratore 

Gli esploratori escono dalla propria comfort zone. Sono coraggiosi, avventurosi e amano mettersi in gioco con nuove sfide nella loro quotidianità. Questo è l’archetipo degli sport estremi, dell’equipaggiamento tecnico, automotive e dei viaggi. 

  • hanno l’obiettivo di sentirsi vivi 
  • la loro paura è quella di sentirsi vuoti e rinchiusi
  • posseggono il dono dell’indipendenza, ambizione e integrità 
  • rischiano di diventare dei vagabondi o disadattati 


Patagonia è l’esempio perfetto di esploratore, scopri qui la loro campagna Don’t Buy This Jacket 


L’eroe 

«We can be Heroes, just for one day»

Con questo archetipo introduciamo la seconda macro categoria: il cambiamento. 

È il guerriero che accetta le sfide affrontandole a testa alta, con determinazione e disciplina. Ispira gli altri a combattere i propri demoni. Questo archetipo è perfetto per il settore sportivo.

  • desidera cambiare il mondo a tutti i costi
  • ha estremamente paura della debolezza e della vulnerabilità 
  • affronta la vita con coraggio e competenza 
  • rischia di risultare arrogante e di avere un po’ di nemici



Nike è l’esempio perfetto di eroe: vediamo il motivo nella pubblicità “Nothing Is Impossible” 

In questo articolo abbiamo fatto un vero e proprio viaggio nell’universo degli archetipi.

Abbiamo esplorato le personalità e i tratti distintivi che guidano le nostre azioni e scelte. Ma, come tutte le belle storie, bisogna assaporarle un po’ per volta. Infatti, arriverà presto una seconda parte, pronta a svelare nuovi segreti del mondo della comunicazione.    

Rimani connesso sui nostri canali social per scoprire la parte 2

In questo articolo: